Duplicazione radiocomandi per auto: costi servizio

Dover effettuare la duplicazione del radiocomando dell’autovettura può capitare a tutti, sia in seguito al furto delle chiavi o semplicemente perché si sono perse oppure per averne una copia aggiuntiva.

Oggi ci occuperemo in particolare dei costi medi del servizio di duplicazione di una chiave con radiocomando.

 

A chi rivolgersi?

 

Per duplicare la chiave o il radiocomando della propria auto occorre recarsi presso un centro autorizzato.

La chiave infatti al suo interno ha un chip univoco che deve essere codificato e riprogrammato, poi inserito nel nuovo radiocomando, operazione indispensabile ad esempio per sbloccare l’immobilizer, che altro non è se non l’antifurto più utilizzato sulle automobili.

E’ possibile anche rivolgersi presso altri rivenditori, come una ferramenta specializzata in duplicati di chiavi, ma in questo caso occorre fare attenzione.

La chiave per funzionare correttamente deve essere riprogrammata utilizzando i codici della casa madre e registrando il nuovo codice nella centralina.

Operazione che solo un centro specializzato o la casa costruttrice stessa può compiere. In ogni caso è sempre preferibile farsi fare un preventivo sia dalla casa automobilistica che da altri rivenditori specializzati, per un confronto del costo ovviamente a parità di prestazioni.

 

Costi medi del servizio di clonazione

 

Duplicare una chiave con radiocomando per autovettura non è di certo un’operazione a buon mercato.

I costi variano a seconda del modello di autovettura e della casa di produzione, oltre che delle funzionalità del radiocomando stesso.

Un altro fattore che può incidere sensibilmente sul prezzo di duplicazione, è il metodo impiegato per realizzare la nuova chiave: la duplicazione tramite lettura della centralina e con ricodificazione senza dubbio ha un prezzo maggiore rispetto alla semplice copia da banco della chiave.

Duplicare il radiocomando di un’autovettura di piccola cilindrata è senza dubbio più economico rispetto a modelli più complessi e di importazione.

Un esempio: duplicare il radiocomando di una Ford Fiesta costa circa 115 euro, un prezzo medio per tutte le autovetture di quel segmento.

Di contro invece il duplicato del radiocomando di una Mercedes ha un prezzo medio di 287 euro per tutti i modelli, stesso prezzo anche per un suv Land Rover.

Per una Volvo invece il prezzo della duplicazione è di 160 euro per tutti i modelli attualmente in commercio.

 

Duplicare il radiocomando: cos’è il codice meccanico?

 

Per duplicare il radiocomando della propria autovettura occorre avere a disposizione il codice meccanico grazie al quale sarà possibile codificarne e duplicarne una copia.

Ovviamente nel caso in cui non abbiate a disposizione tale codice meccanico o non sia più leggibile (con il passare del tempo l’inchiostro può sbiadire), lo potete recuperare presso la casa madre, comunicando il numero di telaio della vostra autovettura.

Oppure, in alternativa, lo potete recuperare recandovi presso la concessionaria autorizzata tramite lettura della centralina.

Ricordatevi che se è vostra intenzione ottenere un duplicato dell’originale, dovrete utilizzare unicamente le predette procedura (codificazione e riprogrammazione della chiave con radiocomando), con la registrazione o memorizzazione nella centralina dell’autovettura del nuovo codice meccanico che vi verrà fornito e che dovrete conservare nel caso di necessità ulteriore.

 

Fonte: lartedellachiave.it